Lettere d’ Intento – Trasmissione Dell’esportatore Dal 2015

0
60
Contattaci per sottoporci la tua situazione e verificheremo se ciò che hai letto nel nostro articolo sia effettivamente applicabile
al tuo caso.

alla tua azienda.

al tuo problema.

ai tuoi progetti.

al tuo mondo.

Chiedici una consulenza gratuita!

Il  recente  Decreto  Semplificazioni  ha  ribaltato  gli  obblighi  di  comunicazione  relativi  alle  dichiarazioni d’intento rilasciate dagli esportatori abituali.

A decorrere dalle operazioni effettuate senza applicazione dell’IVA dal 1 gennaio 2015:

–    esportatore abituale: dovrà preventivamente trasmettere telematicamente i dati della lettera di intenti e solo successivamente inviarla al fornitore (unitamente alla ricevuta della trasmissionetelematica);

–    fornitore:  potrà  effettuare  la  cessione/prestazione  senza  applicazione  dell’IVA  solo  dopo  aver verificato l’avvenuta trasmissione telematica da parte del cliente; sarà poi tenuto ariepilogare in dichiarazione Iva i dati contenuti nelle dichiarazioni d’intento ricevute.

Contattaci per sottoporci la tua situazione e verificheremo se ciò che hai letto nel nostro articolo sia effettivamente applicabile
al tuo caso.

alla tua azienda.

al tuo problema.

ai tuoi progetti.

al tuo mondo.

Chiedici una consulenza gratuita!

E’ infine prevista l’emanazione entro il 12/03/2015 dell’apposito decreto attuativo che dovrà definire “le modalità applicative anche di natura tecnica” (modello da utilizzare, software per l’inviotelematico, ecc.).

Pertanto fino a tale data non sarà possibile procedere secondo le precedenti modalità; a tal fine si attendono chiarimenti su come comportarsi nei primi mesi del 2015.

Come noto, i cd “esportatori abituali” possono acquistare beni/servizi (diversi da fabbricati/aree edificabili e beni con Iva oggettivamente indetraibile) in regime di non imponibilità Iva previo invio ai propri fornitori di apposita dichiarazione d’intento.

Nell’ambito del cd. “Decreto Semplificazioni” (art. 20 D.Lgs.175/2014), il legislatore ha realizzato una “inversione” degli adempimenti in relazione alla dichiarazione d’intento, stabilendo che:

  1. dalledichiarazioni d’intento relative a operazioni da effettuare a decorrere dal 01/01/2015
  2. l’obbligodi trasmissione telematica dei dati contenuti nella dichiarazione d’intento ricade in
  3. capo all’esportatoreabituale, il quale dovrà consegnare al fornitore:
    • ladichiarazione d’intento
    • laricevuta di avvenuta trasmissione telematica della comunicazione alle Entrate.

Al fornitore viene, invece, richiesto il solo riepilogo in Dichiarazione annuale Iva delle dichiarazioni d’intento ricevute. La soppressione dell’onere comunicativo e la modifica all’art. 7, c. 4-bis delD.Lgs.471/97 elimina le pesanti ripercussioni sanzionatorie ancora in vigore per le operazioni fino al 31/12/2014.

Contattaci per sottoporci la tua situazione e verificheremo se ciò che hai letto nel nostro articolo sia effettivamente applicabile
al tuo caso.

alla tua azienda.

al tuo problema.

ai tuoi progetti.

al tuo mondo.

Chiedici una consulenza gratuita!