IVIE, saldo e acconto entro il 02.07.2018

0
11

Le persone fisiche residenti in Italia, che detengono immobili all’estero, sono assoggettati alle imposte nel Paese in cui tali immobili sono ubicati, e ad un’imposta patrimoniale in Italia: c.d. IVIE (imposta sul valore degli immobili situati all’estero), introdotta dal Decreto Salva Italia (D.l. 201/2011).

L’imposta è dovuta proporzionalmente alla quota di possesso e ai mesi dell’anno in cui  il possesso si è protratto.

Contattaci per sottoporci la tua situazione, penseremo noi ad affiancarti per poterti aiutare a risolvere la tua problematica.
Verificheremo che ciò che hai letto nel nostro articolo sia effettivamente applicabile al tuo caso. Affida i tuoi problemi ad una squadra per risolverli. Chiamaci !

Essa viene liquidata in sede di dichiarazione dei redditi, nel quadro RW, ed è pari allo 0,76% del valore degli immobili, dato dal costo risultante all’atto dell’acquisto o, in mancanza, dal valore di mercato rilevabile nel luogo in cui l’immobile è situato.

AMBITO APPLICATIVO

L’IVIE è dovuta dalle persone fisiche residenti in Italia, che detengono a titolo di proprietà o di altro diritto reale, immobili (fabbricati o terreni) situati all’estero, a qualsiasi uso essi siano destinati. Se l’immobile non è locato, non è dovuta l’Irpef in Italia.

Sono soggetti all’imposta i fabbricati, le aree fabbricabili e i terreni, compresi quelli strumentali destinati all’attività d’impresa o di lavoro autonomo.

Dal 2016 sono esclusi:

  • i fabbricati destinati ad abitazione principale e relative pertinenze;
  • la casa coniugale assegnata all’ex coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;

diversi da quelli che in Italia risultano classificati come immobili non di lusso (ossia non appartenenti alle categorie catastali A/1, A/8 o A/)).

SOGGETTI PASSIVI

I soggetti passivi dell’IVIE sono:

  • il proprietario di fabbricati, aree fabbricabili e terreni a qualsiasi uso destinati, compresi quelli strumentali per natura o per destinazione destinati ad attività di impresa o di lavoro autonomo;
  • il titolare del diritto reale di usufrutto, uso o abitazione, enfiteusi e superficie sugli stessi (e non il titolare della nuda proprietà);
  • il concessionario nel caso di concessione di aree demaniali;
  • il locatario per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria, a decorrere dalla data della stipula e per tutta la durata del contratto.

Nel caso in cui gli immobili siano detenuti in comunione, l’imposta è dovuta da ciascun soggetto partecipante alla comunione con riferimento al valore relativo alla propria quota.

Il titolare della nuda proprietà non paga IVIE ma è tenuto a compilare comunque il Quadro RW.

L’Ivie è dovuta anche per gli immobili esteri che siano detenuti da una persona fisica residente:

  • tramite società fiduciarie;

formalmente intestati a entità giuridiche (società, fondazioni, trust, ecc.) che agiscono quali persone interposte qualora l’effettiva disponibilità degli immobili sia riconducibile ad una persona fisica residente.

ALIQUOTA

L’IVIE è stabilita nella misura dello 0,76%, in proporzione alla quota di titolarità del diritto di proprietà (o altro diritto reale), e ai mesi dell’anno in cui si è protratto tale diritto. Il mese durante il quale il diritto si è protratto per almeno 15 giorni è computato per intero. L’imposta non è dovuta se l’importo non supera i 200 Euro. Ai fini della soglia di esenzione, si deve fare riferimento al valore complessivo dell’immobile senza considerare né quote di possesso né periodo di possesso. Non si tiene nemmeno conto dello scomputo di eventuali crediti di imposta esteri (C.M. n. 28/E del 2012).

AGEVOLAZIONI PER LE ABITAZIONI PRINCIPALI DI LUSSO

L’immobile situato all’estero adibito ad abitazione principale (e relative pertinenze), e la casa coniugale assegnata all’ex- coniuge, classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 o A/9 godono delle seguenti agevolazioni:

  • aliquota dello 0,40%, limitatamente al periodo in cui l’attività lavorativa è svolta all’estero;
  • detrazione, fino a concorrenza del suo ammontare, pari a 200 Euro, rapportata al periodo dell’anno in cui si protrae tale destinazione;

non è dovuta l’Irpef in Italia.

BASE IMPONIBILE

La base imponibile si calcola in modo diverso a seconda che l’immobile sia situato:

  • in Paesi appartenenti all’Ue o aderenti al See (Spazio economico europeo);

in Paesi diversi.

Immobili situati in UeImmobili situati in paesi diversi
Il valore da utilizzare è prioritariamente quello catastale, così come risulta determinato e rivalutato nel Paese in cui l’immobile è situato. In mancanza del valore catastale si fa riferimento al costo risultante all’atto di acquisto, e in assenza, al valore di mercato rilevabile nel luogo in cui l’immobile è situato.Il valore da utilizzare è prioritariamente il costo di acquisto o quello di costruzione se l’immobile è stato costruito.

In mancanza del costo si assume il valore di mercato rilevabile nel luogo in cui l’immobile è situato.

Nel caso di immobili acquisiti per successione o donazione, il valore è quello contenuto nella dichiarazione di successione o nell’atto registrato.

CREDITO D’IMPOSTA

Dall’imposta dovuta, il contribuente può detrarre, fino a concorrenza del suo ammontare, un credito d’imposta pari all’ammontare dell’eventuale imposta pagata nello Stato in cui è situato l’immobile a titolo di imposta patrimoniale.

La C.M. n. 28/E del 2012 ha predisposto una tabella con l’elenco dei Paesi UE e SEE con l’indicazione delle imposte che devono essere prese come riferimento ai fini della determinazione del valore dell’immobile e delle imposte che è possibile detrarre dall’IVIE.

VERSAMENTI

L’IVIE deve essere versata in acconto e saldo, secondo le modalità previste dall’Irpef, quest’anno quindi entro:

  • 07.2018;
  • ovvero entro il 20.08.2018 con la maggiorazione dello 0,40%.

L’acconto 2018 è dovuto se l’importo indicato al rigo RW7, colonna 1, supera i 51,65 Euro (52 Euro per effetto dell’arrotondamento). In tal caso l’acconto è dovuto nella misura del 100% e dovrà essere versato:

  • in un’unica soluzione, entro il 30.11.2018, se l’importo dovuto è inferiore a 257,52 €;
  • in due rate se l’importo dovuto è pari o superiore a 257,52 €:
  • la prima rata andrà versata entro il 02.07.2018 (o 20.08.2018 con la maggiorazione dello 0,40%) nella misura del 40% dell’importo indicato al rigo RW7 colonna 1;
  • la seconda rata entro il 30.11.2018, nella misura restante del 60%.

I codici tributo da utilizzare sono:

  • 4041 per il saldo;
  • 4044 per il primo acconto;

4045 per il secondo acconto.

 

Contattaci per sottoporci la tua situazione, penseremo noi ad affiancarti per poterti aiutare a risolvere la tua problematica.
Verificheremo che ciò che hai letto nel nostro articolo sia effettivamente applicabile al tuo caso. Chiamaci !