FRINGE BENEFIT Amministratori titolari di Partita IVA

0
51

La disciplina dei fringe benefit agli amministratori delle società è diversa a seconda del rapporto tra amministratore e società. Differenze fondamentali si hanno quando l’amministratore è un professionista con partita IVA da quando è un soggetto i cui redditi vengono assimilati a quelli da lavoro dipendente. Si analizza di seguito la disciplina dei rimborsi spese ed il loro trattamento fiscale, dal punto di vista sia dell’amministratore che della società erogante, nei casi più comuni di fringe benefit.

Come viene stabilito il compenso degli amministratori?

 Il compenso degli amministratori viene deliberato dall’assemblea dei soci all’atto della nomina o successivamente, se non già stabilito dallo statuto, secondo quanto previsto agli articoli 2389 e 2364 del codice civile. È previsto inoltre che, per gli amministratori investiti di particolari cariche il compenso è fissato dal consiglio di amministrazione, sentito il collegio sindacale. I soci potranno stabilire un compenso in misura:

Contattaci per sottoporci la tua situazione, penseremo noi ad affiancarti per poterti aiutare a risolvere la tua problematica.
Verificheremo che ciò che hai letto nel nostro articolo sia effettivamente applicabile al tuo caso. Affida i tuoi problemi ad una squadra per risolverli. Chiamaci !

  • fissa;
  • variabile (in base agli utili o al volume d’affari);
  • mista, con una base fissa più una parte variabile in base agli utili;

oltre al quale potrebbero essere previsti:

  • rimborso delle spese sostenute;
  • indennità di fine mandato;
  • compensi in natura.

 

Come si inquadra il reddito prodotto dal compenso per gli amministratori titolari di partita IVA?

La Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 105/E del 2001 ha precisato che il compenso dell’amministratore rientra nell’attività professionale se tale attività si possa oggettivamente considerare connessa alle mansioni tipiche della professione abitualmente esercitata. Sulla base di ciò, i compensi seguiranno un diverso trattamento fiscale a seconda che siano corrisposti:

  • a professionisti per i quali la prestazione di amministratore rientra nell’oggetto proprio della professione, ad esempio dottori commercialisti. In questo caso sono assoggettati a:
    • ritenuta d’acconto al 20%
    • IVA
    • Contributi previdenziale da versare alla cassa di categoria
  • a professionisti per i quali l’attività di amministratore è compresa tra le mansioni di categoria o è oggettivamente connessa, ad esempio avvocati, ingegneri edili che amministrano una società di ingegneria o un’impresa edile, periti agrari che amministrano aziende agrarie e zootecniche. Sono assoggettati a:
    • ritenuta d’acconto al 20%
    • IVA
    • Contributi previdenziale da versare alla cassa di categoria
  • a professionisti per i quali l’attività di amministratore non rientra nell’oggetto proprio della professione e non ne è oggettivamente connessa, ad esempio un medico che amministra una società immobiliare. Sono assoggettati a:
    • IRPEF per scaglioni di reddito
    • INPS
  • ad amministratori non residenti. Sono assoggettati a ritenuta d’imposta al 30%.

Qualora l’attività di amministratore rientri nell’ambito della professione autonoma svolta, i compensi devono essere fatturati come competenza professionale (altrimenti saranno assimilati al reddito di lavoro dipendente, come per l’amministratore non titolare di partita Iva, con la conseguente iscrizione alla gestione separata INPS).

La società, entro il 16 del mese successivo al pagamento del compenso, dovrà operare e versare la ritenuta d’acconto e rilasciare la certificazione delle ritenute operate, entro il 31/03/2019.

Secondo il disposto previsto all’art. 95, comma 5 del TUIR, il compenso erogato all’amministratore è deducibile in capo alla società se viene erogato nel corso dell’anno.

Infatti non si applica il principio di cassa allargato: il diritto alla deduzione matura nell’anno in cui avviene il pagamento, con la conseguenza di dover apportare in dichiarazione una variazione in aumento, poiché la delibera del compenso determina la rilevazione al 31/12 dei compensi di competenza dell’esercizio, anche se non ancora erogati.

 

Come è disciplinata la somministrazione di vitto, alloggio e trasporto?

In caso di amministratori professionisti si applica la disciplina prevista per il reddito dei lavoratori autonomi: i rimborsi sono soggetti a ritenuta d’acconto e ad iva, al pari dei compensi professionali.

Si possono verificare due casi:

  • le spese sono sostenute dall’amministratore per poi essere rimborsate dalla società;
  • le spese sono sostenute direttamente dalla società.

Quando le spese di trasferta, vitto e alloggio sono sostenute dall’amministratore nell’esercizio dell’incarico, il rimborso delle stesse rientra tra i compensi del professionista e pertanto concorre alla formazione del reddito di lavoro autonomo.

Tali spese devono essere inserite in fattura e concorrono alla formazione dell’imponibile Iva, sono soggette a ritenuta d’acconto e alla rivalsa previdenziale.

I rimborsi concorrono interamente alla formazione del compenso, ma la loro deducibilità varia in base alle modalità di ri-addebito in capo alla società. Infatti se avviene:

  • in modo analitico, essi sono interamente imponibili e, a seguito delle modifiche all’articolo 54, comma 5 del TUIR[1], integralmente deducibili;
  • in modo forfetario, essi sono interamente imponibili e deducibile con il doppio limite:
    • nella misura del 75%;
    • per un importo complessivamente non superiore al 2% dell’ammontare dei compensi percepiti nel periodo d’imposta.

Quando invece le spese di vitto e alloggio sono sostenute dalla società (pagate direttamente dalla società e a questa direttamente fatturate), esse non sono considerate parte del compenso né tantomeno reddito per il professionista che opera come amministratore della società. Ne consegue che non debbano essere riportate in fattura.

Infatti il nuovo articolo 54, comma 4 del TUIR prevede che le spese relative all’esecuzione di un incarico, sostenute direttamente dal committente, non costituiscano compensi in natura per il professionista.

Il prestatore del servizio alberghiero/ristorativo in questo caso invierà direttamente alla società la fattura, con indicazione degli estremi dell’amministratore professionista fruitore delle prestazioni e somministrazioni, senza che l’importo di spesa o la copia della fattura siano consegnati al professionista. Si precisa che l’inerenza e l’effettività della spesa devono essere dimostrabili.

La società dedurrà il costo in base alle regole previste per la categoria di reddito.

SPESE SOSTENUTEIVARITENUTACONTRIBUTO INTEGRATIVO
Dall’amministratore professionista
Dalla societàNoNoNo

Come sono tassati i rimborsi chilometrici?

 I rimborsi chilometrici, come precisato dall’Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 105/E del 2001, non sono assimilabili all’art. 51 del TUIR nel caso in cui l’amministratore sia titolare di partita Iva.

Infatti, come nel caso degli altri rimborsi, essi sono parte del compenso: dovranno pertanto essere inseriti in fattura ed andranno a concorrere nella formazione del reddito professionale dell’amministratore.

Per l’impresa questi costi, se documentati, sono interamente deducibili.

Come viene tassata la concessione dell’auto aziendale?

Nel caso in cui la società conceda, a fronte dell’incarico ricoperto, un mezzo aziendale ad un amministratore professionista, come già evidenziato, i proventi concorrono alla formazione del reddito.

Il mezzo dato in uso promiscuo è un compenso in natura che concorre alla formazione del reddito di lavoro autonomo, il cui valore viene determinato in base al valore normale, ovvero utilizzando le tabelle di media percorrenza previste per il noleggio.

La società può dedurre i costi del mezzo concesso nei limiti del valore del compenso in natura erogato. Per l’eventuale eccedenza, in base al quanto previsto all’art 164 del TUIR, il costo sarà deducibile nel limite del 20% del valore massimo fiscalmente riconosciuto, pari a € 18.075,99.

[1] Modifiche apportate dalla Legge 81 del 22/05/2017, in vigore dal 01/01/2017.

Contattaci per sottoporci la tua situazione, penseremo noi ad affiancarti per poterti aiutare a risolvere la tua problematica.
Verificheremo che ciò che hai letto nel nostro articolo sia effettivamente applicabile al tuo caso. Chiamaci !