La Comunicazione delle operazioni legate al Turismo

0
71
Contattaci per sottoporci la tua situazione e verificheremo se ciò che hai letto nel nostro articolo sia effettivamente applicabile
al tuo caso.

alla tua azienda.

al tuo problema.

ai tuoi progetti.

al tuo mondo.

Chiedici una consulenza gratuita!

In deroga al limite dell’uso del contante (3.000 € dall’1/1/2016), gli operatori del commercio al minuto e le agenzie di viaggio e turismo, possono incassare in contanti le operazioni di vendita effettuate nei confronti di turisti extra Ue entro il limite di 10mila Euro. Tale importo è stato così modificato dal D.lgs. 90/2017 a partire dalle operazioni effettuate dal 04.07.2017. In precedenza il limite era di 15.000 Euro.

Per poter incassare in contanti importi così elevati è necessario comunicare all’Agenzia delle Entrate le operazioni di importo unitario pari o superiore a mille Euro e inferiori a 15mila euro/10mila euro, entro il 10.4.2018 per i soggetti mensili, ed entro il 20.4.2018 per i trimestrali.

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI LEGATE AL TURISMO
LA DEROGA AI LIMITI ALL’USO DEL CONTANTE

 

Il decreto semplificazioni fiscali[1], modificato di recente dall’art. 8 comma 15 del D.lgs. 90/2017, ha introdotto una deroga al limite dell’uso del contante, a favore degli acquisti effettuati in esercizi e negozi legati al turismo, da parte di cittadini di Paesi al di fuori della Ue e dello spazio economico europeo. Si tratta in particolare delle cessioni di beni e prestazioni di servizio effettuate:

¨        da commercianti al minuto e soggetti assimilati ex art. 22, DPR n. 633/72 (ad esempio, alberghi, ristoranti, ecc.), per i quali non sussiste l’obbligo di emissione della fattura;

Contattaci per sottoporci la tua situazione e verificheremo se ciò che hai letto nel nostro articolo sia effettivamente applicabile
al tuo caso.

alla tua azienda.

al tuo problema.

ai tuoi progetti.

al tuo mondo.

Chiedici una consulenza gratuita!

¨        da agenzie di viaggio e turismo ex art. 74-ter, DPR n. 633/72, che effettuano operazioni per la organizzazione di pacchetti turistici costituiti da viaggi, vacanze, circuiti “tutto compreso” e servizi connessi;

nei confronti di persone fisiche:

¨        di cittadinanza diversa da quella italiana, comunitaria ovvero di uno Stato appartenente allo SEE;

¨        non residenti in Italia.

In tali circostanze la soglia di 3.000 Euro (introdotta dal D.l. 201/2011 e poi modificata dalla Legge di Stabilità 2016) a partire dalla quale i trasferimenti in denaro devono essere effettuati con strumenti tracciabili, è elevata a 15.000 Euro. Tale soglia è stata abbassata a 10.000 Euro dal D.lgs. 90/2017 a decorrere dalle operazioni effettuate dal 04.07.2017, pertanto per le operazione effettuate:

¨        fino al 3.7.2017, la soglia è di 15.000 Euro;

¨        dal 04.07.2017, la soglia è di 10.000 Euro.

CONDIZIONI PER USUFRUIRE DELLA DEROGA

 

 

Per poter usufruire della deroga gli esercenti devono:

¨        inviare una comunicazione preventiva all’Agenzia delle Entrate, esclusivamente in modalità telematica, utilizzando l’apposito modello (i cui termini e modalità sono stati stabiliti con provvedimento direttoriale del 23.03.2012);

¨        acquisire dal cliente:

ü   fotocopia del passaporto del cliente;

ü   autocertificazione attestante:

o   la cittadinanza. Il cliente non deve essere cittadino italiano / comunitario / di uno Stato appartenente allo SEE (Spazio Economico Europeo);

o   la residenza (non italiana);

¨        depositare in banca sul proprio c/c, il primo giorno feriale successivo all’operazione, le somme incassate e consegnare alla banca la fotocopia del passaporto e della fattura/ricevuta/scontrino fiscale emesso.

LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI LEGATE AL TURISMO Le operazioni in contanti legate al turismo, di importo pari o superiore a mille Euro[2], e inferiori a 15mila/10mila Euro, devono essere comunicate all’Agenzia delle Entrate utilizzando il quadro TU del Modello di comunicazione polivalente, entro il 10.4 dell’anno successivo per i contribuenti mensili; il 20.4 dell’anno successivo per i contribuenti trimestrali.Pertanto, con riferimento alle operazioni del 2017, la comunicazione deve essere inviata entro il:¨        10.04.2018 per i mensili;

¨        20.04.2018 per i trimestrali.

Per individuare il termine di presentazione va fatto riferimento alla periodicità di liquidazione IVA dell’anno di invio della comunicazione.Per quanto riguarda le modalità di compilazione del modello, è necessario in particolare:¨        barrare la casella “Operazioni legate al turismo – Art 3 comma 2 bis DL 16/2012” contenuta nel Frontespizio;

¨        compilare il quadro TU (obbligatoriamente in forma analitica), indicando i dati anagrafici dei singoli clienti e delle relative operazioni.

[1] Commi 1 e 2 dell’articolo 3 del D.l. 16/2012.

[2] L’aumento della soglia per l’uso del contante, effettuato con la Legge di Stabilità 2016 (che ha alzato il limite da 1.000 a 3.000 euro) non ha impatto sulla comunicazione in esame in quanto la norma di riferimento (art. 3 comma 2-bis del D.l. 16/2012) non è stata modificata. Per il 2018, quindi, dovranno essere comunicate le operazioni di importo pari o superiore a 1.000 euro e inferiori a 15.000/10.000 euro.

Contattaci per sottoporci la tua situazione e verificheremo se ciò che hai letto nel nostro articolo sia effettivamente applicabile
al tuo caso.

alla tua azienda.

al tuo problema.

ai tuoi progetti.

al tuo mondo.

Chiedici una consulenza gratuita!