Contributi Enasarco 2018

0
84
Contattaci per sottoporci la tua situazione e verificheremo se ciò che hai letto nel nostro articolo sia effettivamente applicabile
al tuo caso.

alla tua azienda.

al tuo problema.

ai tuoi progetti.

al tuo mondo.

Chiedici una consulenza gratuita!

Gli agenti e i rappresentanti di commercio, che operano sul territorio nazionale, sono tenuti all’iscrizione all’Enasarco (l’Ente Nazionale Assistenza Agenti e Rappresentanti di Commercio ) e alla relativa contribuzione.

I contributi all’ENASARCO si calcolano su “tutte le somme dovute a qualsiasi titolo” all’agente o al rappresentante di commercio in dipendenza del rapporto di agenzia, anche se non ancora pagate, e devono essere versati trimestralmente. Pertanto il riferimento al trimestre segue il principio di competenza (il periodo di maturazione delle provvigioni), mentre resta ininfluente il momento del pagamento.

Se l’attività di agenzia è esercitata in forma societaria, in presenza di due o più agenti illimitatamente responsabili, il contributo:

  • è dovuto per ciascuno di essi;
  • è suddiviso tra tali soci sulla base delle quote sociali o, se diverse, in misura corrispondente alle quote di ripartizione degli utili previste dall’atto costitutivo. In mancanza i contributi sono ripartiti in misura paritetica. L’eventuale modifica della quota di partecipazione societaria ai fini contributivi ha effetto dal trimestre successivo a quello della comunicazione all’Enasarco.

E’ importante ricordare che per gli agenti che svolgono l’attività:

Contattaci per sottoporci la tua situazione e verificheremo se ciò che hai letto nel nostro articolo sia effettivamente applicabile
al tuo caso.

alla tua azienda.

al tuo problema.

ai tuoi progetti.

al tuo mondo.

Chiedici una consulenza gratuita!
  • in forma di ditta individuale ovvero di società di persone (snc/sas) i contributi sono dovuti nel rispetto di un minimale contributivo e di un massimale provvigionale annuo;
  • in forma di società di capitali (spa / srl) non è previsto alcun minimale/massimale.

 

CONTRIBUTI ENASARCO 2018
ALIQUOTE Le aliquote contributive sono diverse a seconda che l’agente svolga l’attività in forma:

¨        di ditta individuale / società di persone. In questo caso l’aliquota 2018 (quindi per le provvigioni maturate a partire dall’1.1.2018) è fissata, nel rispetto dei minimali e massimali, nella misura del 16% e va ripartita al 50% tra agente e casa mandante;

¨        di società di capitali. In questo caso si applica un’aliquota differenziata per scaglioni, così ripartita tra casa mandante e agente:

Scaglioni Aliquota 2018 A carico della casa mandante A carico della società
Fino a 13.000.000,00 € 4% 3% 1%
Oltre 13.000.000,00

e fino a 20.000.000,00 €

2% 1,5% 0,5%
Oltre 20.000.000,00

e fino a 26.000.000,00 €

1% 0,75% 0,25%
Oltre 26.000.000,00 € 0,5% 0,3% 0,2%
MINIMALI E MASSIMALI CONTRIBUTIVI

 

Per gli agenti che esercitano l’attività in forma individuale e in società di persone (snc/sas) i contributi sono dovuti nel rispetto dei minimali contributivi e dei massimali provvigionali, che ogni anno sono rivalutati secondo l’indice generale ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati.

Per il 2018 gli importi sono stati aggiornati a seguito della pubblicazione, da parte dell’Istat, del tasso di variazione annua dell’indice generale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati.

Il massimale provvigionale è il seguente:

Soggetto Massimale provvigionale 2018 Contribuzione massimale annua
Agente monomandatario

(impegnato per atto scritto ad esercitare l’attività per una sola casa mandante)

€. 37.913,00 €. 6.066,08

(37.913 × 16%)

Agente plurimandatario €. 25.275,00 €. 4.044,00

(25.275× 16%)

Il contributo va calcolato fino al raggiungimento della provvigione massima annuale; la quota che supera il limite massimo va comunque comunicata, anche se su di essa non va calcolato né versato alcun contributo. Il massimale provvigionale non è frazionabile. In caso di attività svolta in forma societaria il massimale è riferito alla società, non ai singoli soci, pertanto il contributo va ripartito tra i soci illimitatamente responsabili in misura pari alle quote di partecipazione.

I minimali contributivi per il 2018 sono  i seguenti:

Soggetto Minimale contributivo 2018
Agente monomandatario

(impegnato per atto scritto ad esercitare l’attività per una sola casa mandante)

€. 846
Agente plurimandatario €. 423
Si ricorda che per determinare i minimali contributivi vanno considerati i seguenti principi:

¨        di produttività. Il minimale contributivo è dovuto soltanto se il rapporto di agenzia ha prodotto provvigioni, sia pure in misura minima, nel corso dell’anno. In tal caso, e cioè se almeno in un trimestre sono maturate provvigioni, dovranno essere pagate anche le quote trimestrali di minimale corrispondenti ai trimestri in cui il rapporto è stato improduttivo. L’integrazione dei contributi al minimale (differenza tra l’entità dei contributi e l’importo minimale da versare) è interamente a carico della casa mandante, che può eventualmente recuperarla dai contributi dovuti nei trimestri successivi. Se il rapporto di agenzia è rimasto “improduttivo” per tutto l’anno, il minimale contributivo non è dovuto;

¨        di frazionabilità. Il minimale contributivo è frazionabile per quote trimestrali. Pertanto, nell’ipotesi di inizio o cessazione del rapporto di agenzia in corso d’anno, il minimale contributivo va calcolato per singolo trimestre. Il versamento va effettuato moltiplicando tale importo per il numero di trimestri in cui si è svolto il rapporto di agenzia. Ciò a condizione che in almeno un trimestre siano maturate provvigioni (principio di produttività).

SCADENZE E MODALITA’ DI VERSAMENTO Prima di procedere con il versamento dei contributi è necessario inviare telematicamente un’apposita distinta, tramite il sito Internet www.enasarco.it. A tal fine la casa mandante deve registrarsi e richiedere l’abilitazione ai servizi telematici.

Sulla distinta online va inserita la provvigione maturata da ciascun agente. Il sistema calcola in automatico il corretto contributo da versare, tenendo conto di minimali e massimali. Le distinte vanno compilate anche dopo il raggiungimento del massimale contributivo senza che ciò determini ulteriori versamenti.

La casa mandate è responsabile del pagamento dei contributi anche per la parte a carico dell’agente, nei confronti del quale trattiene la parte di contributi a suo carico all’atto della liquidazione delle relative competenze.

Fino al 31.1.2014 il versamento dei contributi andava effettuato mediante addebito automatico sul c/c bancario della casa mandante tramite RID (Rapporti Interbancari Diretti). A decorrere dall’1.2.2014 tale forma di pagamento è stata sostituita in via automatica dal sistema Sepa Direct Debit (SDD), per i c/c bancari sui quali è già attivo l’addebito automatico.

Il versamento può essere effettuato anche tramite bollettino bancario (MAV).

Il versamento dei contributi va effettuato entro il giorno 20 del secondo mese successivo alla scadenza di ciascun trimestre. In particolare, con riferimento alla contribuzione relativa al 2018, le scadenze sono le seguenti:

 

Trimestre Scadenza di versamento
1° trimestre

Gennaio-Febbraio-Marzo 2018

21.05.2018

(il 20.5 cade di domenica)

2° trimestre

Aprile-Maggio-Giugno 2018

20.08.2018
3° trimestre

Luglio-Agosto-Settembre 2018

20.11.2018
4° trimestre

Ottobre-Novembre-Dicembre 2018

20.02.2019
Contattaci per sottoporci la tua situazione e verificheremo se ciò che hai letto nel nostro articolo sia effettivamente applicabile
al tuo caso.

alla tua azienda.

al tuo problema.

ai tuoi progetti.

al tuo mondo.

Chiedici una consulenza gratuita!